La Repubblica Veneta - Tempo Libero - Angelica Liddell inaugura il 68° Ciclo dei Classici
 
 
 
La Repubblica Veneta

Herbalife
 
 
 
 
 
TEMPO LIBERO
Share |
 
VICENZA
Angelica Liddell inaugura il 68° Ciclo dei Classici
“Prima lettera di San Paolo ai Corinzi” costituisce la terza parte del Ciclo delle Resurrezioni dopo “You Are my Destiny” e “Tandy”, e ha debuttato con successo lo scorso 19 marzo al Théâtre Vidy di Losanna. E Vicenza ospita la prima italiana che inaugura il “68° Ciclo di Spettacoli Classici al Teatro Olimpico” il 18 e 19 settembre prossimi. Un’occasione imperdibile per conoscere la personalità di assoluto fascino della 47enne artista spagnola, finora pochissimo presente in Italia...

In questo spettacolo l’artista catalana concepisce una sorta di mistica al contrario, capovolta, in cui la chiesa è un teatro e la scena un altare. Creando così un luogo per raccontare l’amore, l’amore come sacrilegio, l’amore come forma del sacro, l’amore come unico senso delle nostre vite. Un lavoro di intreccio, dunque, tra sacro e profano. Come per verificare, attraverso la rappresentazione, che Dio e l’Amore sono la stessa cosa. Ognuno degli spettacoli di Angelica Liddell è un tentativo di redenzione. È come se prendesse su di sé, dentro di sé, il dolore del mondo, come se trasferisse nell’intimo del proprio corpo la crudeltà che ci circonda, cercando un’espiazione attraverso il gesto artistico. Per Angelica Liddel la Prima lettera di San Paolo ai Corinzi è un inno all’amore. Un testo biblico a partire dal quale costruire un’eresia, trasferendo l’ardore dell’amore divino in passione profana. L’artista catalana concepisce una sorta di mistica al contrario, capovolta, in cui la chiesa è un teatro, e la scena un altare. Creando così un luogo per raccontare l’amore, l’amore come sacrilegio, l’amore come forma del sacro, l’amore come unico senso delle nostre vite. Un lavoro di intreccio tra sacro e profano: trasponendo l’ardore dell’amore per Dio, così come l’ha descritto San Paolo, sul terreno dell’amore profano. Come per verificare, attraverso la rappresentazione, che Dio e l’Amore sono la stessa cosa. Eccessiva, affascinante, indecente, appassionata, Angelica Lidell usa il teatro per ribellarsi, gridando il suo disgusto della saggezza e raccontando il dolore dell’esistenza. Il suo linguaggio è violento, fisico, il corpo è oggetto del sacrificio. Alla maniera di Artaud, per lei non esiste distanza tra lavoro e vita. come lei stessa dice: “La sfida è sopravvivere a me stessa. L’inconfessabile, la vergogna, ci lega sulla scena”. Angelica Liddell, scrittrice, drammaturga, attrice e regista dei suoi spettacoli. Nasce a Figueras, nella stessa Catalogna di Salvador Dalí di cui subisce sicuramente il fascino per la sua vena surreale e onirica e l’attrazione per le arti visive. Comincia a scrivere già durante la sua difficile adolescenza e, dopo aver tentato la via del Conservatorio, si laurea in psicologia e arte drammatica. La sua carriera teatrale vera e propria inizia nel 1988 con uno spettacolo dal titolo per certi versi premonitore, “Greta quiere suicidarse”: non si fa infatti alcuno scrupolo in altre occasioni a dire: “lavorare sul palco per me è come un piccolo suicidio”. Nel 1993 fonda la compagnia Atra Bilis e fino al 2010 lavora principalmente in Spagna. A partire da quella data, invitata al Festival di Avignone a presentare due lavori che la critica francese definisce un vero e proprio “pugno allo stomaco”, si apre alla scena internazionale. Da allora si è imposta con una sua personale miscela di recitazione, danza, video, performance e musica dal vivo, affascinando e scioccando il pubblico. Le sue creazioni, sempre oscillando tra realtà e visionarietà, vivisezionano l’universo esistenziale con freddezza e crudeltà, con surrealismo e talvolta con l’algida violenza di un bisturi; sono confessioni, monologhi onirici e immagini reali fatte di passione e misantropia; sul palcoscenico il pericolo della ferita fisica è sempre presente. Ognuno dei suoi spettacoli è un tentativo di redenzione. E’ come se prendesse su di sé, dentro di sé, il dolore del mondo, come se trasferisse nell’intimo del proprio corpo la crudeltà che ci circonda, cercando un’espiazione attraverso il gesto artistico. Anche se, per arrivare a ciò, si debba arrivare fino alla violenza, allo sfinimento. AttIl suo ultimo progetto è il Ciclo delle Resurrezioni, composto da You Are my Destiny (Lo stupro di Lucrezia), Tandy e Primera Carta de San Pablo a los Corintios. Date 18/09/2015 ore 21:00 - Teatro Olimpico 19/09/2015 ore 21:00 - Teatro Olimpico - See more at: http://classici.tcvi.it/it/eventi/2014-2015/68-ciclo/596/prima-lettera-di-san-paolo-ai-corinzi#sthash.CU97iJ9C.dpuf BIGLIETTI Intero: 28 euro | over65: 24 euro | under30: 15 euro La visione dello spettacolo è consentita a un pubblico di età superiore ai 14 anni

30/07/2015 | 09.57
 
 
EDITORIALE
C'è chi si compra un'isola greca e chi non ha un Paese che lo accoglie
 
 
APPUNTAMENTI
 
 
PHOTOGALLERY
Summer Voice 2015 Ceregnano
Da Trecenta a Milano in bici
Costina Day 2015
BB King in concerto
Biennale Arte Venezia 2015
Guadagnolo, le opere
Visualizza tutte    
 
 

IN EVIDENZA
Auto e moto d’epoca,
esenzione per tutti:
non occorre più l’iscrizione
all’Asi o al Fmi

 

Iva sulla Tia, per la Corte
di Cassazione non è dovuta.
I consumatori possono
chiedere il rimborso

 

Operatori telefonici scorretti
e molesti:
ecco come difendersi
dalle trappole

 

Tassa di concessione
governativa sui cellulari: ecco
come chiedere il rimborso

 

Diritto al recesso per acquisti
a casa o online:
ecco come farlo valere

 

Accertata la malattia, il lavoratore è libero di uscire 

 

Ecco cosa fare quando ci clonano la carta di credito o il bancomat

 

Energia elettrica:
come trovare la migliore offerta

 

La multa è valida anche se il giallo del semaforo dura poco

 

 

 
METEO
 
 
OROSCOPO ON LINE

 
 

LINKS
ADICO Associazione
Difesa Consumatori

 

GUERRATO Spa

 

Socialista LAB

 

 
 
 
  Supplemento telematico a "La Repubblica Veneta" Aut. Trib. Ro n.11/84.
Powered by Internetimage.it [Web Agency] | Copyright © 2008 - NOTE LEGALI