La Repubblica Veneta - Societa' - Diritto di recesso per acquisti a casa o online, ecco come farlo valere
 
 
 
La Repubblica Veneta

Econos Teconologie Ambientali S.r.l
 
 
 
 
 
SOCIETA'
Share |
 
CONSUMATORI
Diritto di recesso per acquisti a casa o online, ecco come farlo valere
Le vendite a domicilio forse saranno passate di moda, ma non lo sono di certo quelle a distanza, ad esempio concluse tramite un sito Internet. E per entrambe le modalità, quando si parla di diritto di recesso o di ripensamento, valgono le stesse regole. Peccato che i venditori, moda oppure no, non perdono il brutto vizio di dare scarse informazioni o rifiutare del tutto il recesso dal contratto...

Le vendite a domicilio forse saranno passate di moda, ma non lo sono di certo quelle a distanza, ad esempio concluse tramite un sito Internet. E per entrambe le modalità, quando si parla di diritto di recesso o di ripensamento, valgono le stesse regole. Peccato che i venditori, moda oppure no, non perdono il brutto vizio di dare scarse informazioni o rifiutare del tutto il recesso dal contratto. Se ne è resa conto Adico Associazione Difesa Consumatori, che solo dall’inizio dell’anno ha già trattato 28 casi di questo tipo. L’ultima segnalazione è proprio di questi giorni e viene da una signora di Quarto d’Altino, V.G., che si è trovata alle prese con l’acquisto a domicilio di impianti di purificazione dell’acqua.

Ma quali sono i diritti del consumatore nel concludere e quindi rescindere un contratto negoziato al di fuori dei locali commerciali dei venditori, quindi a domicilio, per strada, in fiere ma anche a distanza e online? Innanzitutto va detto che la clausola inerente il diritto di ripensamento – o diritto di recesso – non è certo accessoria: se non viene inserita in maniera ben evidente e per iscritto, il contratto non è a norma di legge. E se il venditore non informa adeguatamente il consumatore, sono previste per il primo sanzioni fino a oltre 5.000 euro.
Si può recedere da un acquisto senza dover dare alcuna giustificazione, e soprattutto senza dover pagare alcuna penale, entro 10 giorni lavorativi dalla data di sottoscrizione del contratto o dalla data di ricevimento in caso di acquisto a distanza, inviando al venditore una lettera raccomandata a/r. Le generalità del soggetto verso cui esercitare questo diritto (quindi la persona a cui inviare la raccomandata e il prodotto) devono essere indicate nella nota d’ordine – e non nel contratto – e in maniera ben leggibile. Quindi si deve restituire il prodotto a proprie spese sempre entro i 10 giorni lavorativi all’indirizzo del venditore o di altro soggetto definito in apposita clausola.
Ma non sempre le cose sono così facili. Come testimonia V.G., di Quarto d’Altino, che si è rivolta ad Adico per assistenza in una vicenda di vendita di impianti di purificazione dell’acqua. La scorsa settimana la signora ha firmato a casa un contratto per l’acquisto di nuovi impianti per la propria abitazione. Una decisione arrivata dopo 3 ore di consulenza, durante le quali il venditore ha “lusingato” la potenziale cliente spiegandole le vantaggiosissime condizioni di acquisto. Il giorno dopo, però, la signora si mette di buona lena a leggere attentamente il contratto e capisce di voler recedere. Chiama quindi il venditore, ma la risposta che riceve non è quella che si aspettava: «Mi spiace signora ma non è più possibile annullare il contratto, le sue pratiche sono già state spedite in ditta e si sta già procedendo» è la posizione del venditore.
«Niente di più falso: la signora ha tutto il diritto di esercitare il diritto di recesso, visto che sono passati meno di 10 giorni dalla stipula del contratto – è la risposta degli esperti legali di Adico – mandando una raccomandata a/r all’indirizzo del venditore». Non si può invece esercitare questo diritto se sono trascorsi già i 10 giorni, se l’acquisto è stato fatto con partita Iva, se l’importo dell’acquisto era inferiore ai 26 euro o se si è già usufruito del servizio acquistato.
«Come si evince da questo breve racconto, non sempre ci si trova davanti a un venditore che agisce nella massima trasparenza e accetta il recesso senza battere ciglio, e questo nemmeno quando il cittadino conosce bene i propri diritti: figuriamoci quali spazi di abuso si aprono quando si ha a che fare con persone che per pigrizia, paura o ignoranza non sanno cosa fare – spiega il presidente di Adico Associazione Difesa Consumatori Carlo Garofolini – in questi casi ci si può rivolgere ad Adico per avere tutte le informazioni e l’assistenza gratuita del caso, sia nella sede di Venezia Mestre che e a distanza via mail o telefono».
La sottoscrizione di contratti fuori dai locali commerciali, infatti, è più frequente di quanto si possa pensare anche al giorno d’oggi. «Per alcune categorie merceologiche o di servizi, l’acquisto a domicilio continua a essere prevalente perché si propone al potenziale acquirente la possibilità di una dimostrazione, o comunque una consulenza nella comodità del proprio salotto – continua il presidente di Adico – come ad esempio per l’acquisto di mobili, elettrodomestici o accessori per la casa. Senza parlare degli acquisti a distanza, per corrispondenza o tramite siti Internet e cataloghi online. In questi casi – conclude Garofolini – i 10 giorni decorrono dal ricevimento della merce. Tutte le altre condizioni per l’esercizio del diritto di recesso restano invariate».

Info: Via Volturno n. 33 - 30173 VENEZIA
tel. 041.5349637 - fax 041.5349637
info@associazionedifesaconsumatori.it

Articoli correlati: Diritto al recesso: i termini entro cui far valere il diritto

05/04/2012 | 16.02
 
 
EDITORIALE
C'è chi si compra un'isola greca e chi non ha un Paese che lo accoglie
 
 
APPUNTAMENTI
 
 
PHOTOGALLERY
Summer Voice 2015 Ceregnano
Da Trecenta a Milano in bici
Costina Day 2015
BB King in concerto
Biennale Arte Venezia 2015
Guadagnolo, le opere
Visualizza tutte    
 
 

IN EVIDENZA
Auto e moto d’epoca,
esenzione per tutti:
non occorre più l’iscrizione
all’Asi o al Fmi

 

Iva sulla Tia, per la Corte
di Cassazione non è dovuta.
I consumatori possono
chiedere il rimborso

 

Operatori telefonici scorretti
e molesti:
ecco come difendersi
dalle trappole

 

Tassa di concessione
governativa sui cellulari: ecco
come chiedere il rimborso

 

Diritto al recesso per acquisti
a casa o online:
ecco come farlo valere

 

Accertata la malattia, il lavoratore è libero di uscire 

 

Ecco cosa fare quando ci clonano la carta di credito o il bancomat

 

Energia elettrica:
come trovare la migliore offerta

 

La multa è valida anche se il giallo del semaforo dura poco

 

 

 
METEO
 
 
OROSCOPO ON LINE

 
 

LINKS
ADICO Associazione
Difesa Consumatori

 

GUERRATO Spa

 

Socialista LAB

 

 
 
 
  Supplemento telematico a "La Repubblica Veneta" Aut. Trib. Ro n.11/84.
Powered by Internetimage.it [Web Agency] | Copyright © 2008 - NOTE LEGALI