La Repubblica Veneta - Mostre - Octavio Floreal – indagine_9.7, 1.2.3.11.6, 5.4, 12.13, 14.15.10.8
 
 
 
La Repubblica Veneta

Luciano Rizzato
 
 
 
 
 
MOSTRE
Share |
 
ARTE CONTEMPORANEA
Octavio Floreal – indagine_9.7, 1.2.3.11.6, 5.4, 12.13, 14.15.10.8
Giovedì 29 gennaio 2009, dalle ore 18:30, la galleria Dora Diamanti arte contemporanea di Roma inaugura la mostra indagine_9.7, 1.2.3.11.6, 5.4, 12.13, 14.15.10.8 personale dell’artista spagnolo Octavio Floreal a cura di Alessandro Facente.

Giovedì 29 gennaio 2009, dalle ore 18:30, la galleria Dora Diamanti arte contemporanea inaugura la mostra indagine_9.7, 1.2.3.11.6, 5.4, 12.13, 14.15.10.8 personale dell’artista spagnolo Octavio Floreal a cura di Alessandro Facente.

Indagine è un lavoro che Floreal porta avanti dal 1993. Consiste nell’accumulare piccoli elementi (mani, ragazze, piedi, quadri, archi, fiori, cuori…) che danno vita ad un complesso ed affastellato sciame di segni che mano mano si aggiornano con l’incremento di esperienze personali. Negli spazi della DORA DIAMANTI interverrà con un’inedita installazione site specific nello spazio interrato della galleria partendo dalla bidimensionalità dei lavori in argento e grafite su tavola e acquaforte nello spazio superiore. L’invasività dell’installazione sottostante è determinata dal convertire in fil di ferro ciò che Floreal abitualmente fa in disegno. Con questi piccoli simboli compone una massa grave al centro della stanza e, come un vero sciame, si lascerà alle spalle una scia di piccoli elementi, a muro o sospesi in aria, nella superficie della scala che unisce i due ambienti. La composizione in ferro verrà illuminata dalla luce direzionale che permetterà la “ribidimensionalizzazione” delle forme in ombra sul muro.
Quello di Floreal è un gesto semplice e molto chiaro, ma ciò che interessa ai fini del progetto curatoriale è la conseguenza di questo stesso atto: piccoli segni in posizioni differenti, ma all’interno di un loro ordine, sovrapposti l’uno all’altro in una concettuale piramide progressiva in cui il nuovo si sovrascrive al vecchio. L’idea di raccolta, unione e quindi amore nei confronti delle esperienze personali formula un istintivo atto di fiducia e solidarietà nei confronti del passato. Ma questo affastellamento ha molto a che fare con un atteggiamento archivistico attualmente molto radicato, in cui l’informazione nuova si sovrappone a quella passata giungendo ad uno stato di mediatica disinformazione e annullamento della stessa. Che cosa ne è stato della fiaccola olimpica e della questione tibetana ad esempio? L’aumento dell’IVA sui canoni Sky può sovrascriversi ad essa? La contemporaneità del progetto indagine sta proprio in questa anomalia che caratterizza la nostra situazione storica in cui la bidimensionalità duttile dell’informazione contemporanea è fallimentare rispetto alla complessità tridimensionale di quella passata nascosta dal procedere del tempo. Quindi indagine è un lavoro sulla memoria, sull’ambivalenza delle esperienze odierne fallimentari in cui scavare all’interno risulta realmente un’operazione pericolosa. Un lavoro, ma in qualche modo una celebrazione del sintetico e della sottrazione in una realtà civile in cui l’afflusso dell’informazione conduce al suo esatto opposto e automaticamente alla morte della memoria e delle ideologie. L’intervento curatoriale asseconda questa operazione con una altrettanto sintetica e concettuale, in cui il testo critico del curatore si annulla a tal punto da diventare un rebus anche molto semplice, in cui l’unica frase anagrammata, “Se tu mi trovi da me.”, nasconde il vero titolo della mostra “tu morte es mi vida” la cui soluzione viene suggerita dal sottotitolo numerico 9.7, 1.2.3.11.6, 5.4, 12.13, 14.15.10.8. da inserire nei quadratini vuoti che seguono il testo stampato disponibile in galleria. L’italianizzazione del termine “morte”, correttamente “muerte”, oltre a permettere l’anagramma tra le due frasi, autorizza l’anomalia che scandisce il parallelo con il sociale odierno: “tu morte es mi vida” è la sopravvivenza del presente con l’immolazione del passato, “se tu mi trovi da me” è l’esigenza di scavare l’informazione all’interno di essa per via di un atavico ceppo che comunque il passato rappresenta, individuando in esso la vera sintesi e il legittimo passaggio per una giusta comprensione del presente e del futuro.

DORA DIAMANTI arte contemporanea
Via Del Pellegrino, 60 Roma

Spazio espositivo: DORA DIAMANTI arte contemporanea
indirizzo: Via Del Pellegrino, 60 Roma
orario: da lunedì a sabato ore 15.30-19.30
biglietti: ingresso libero
vernissage: 29 gennaio, ore 18:30
durata mostra: 29 gennaio – 14 marzo 2009
curatori: Alessandro Facente
Autori: Octavio Floreal
Telefono evento: tel 06/68804574 Fax 06/68212702
Note: interventi critici di Micol Di Veroli
Genere: arte contemporanea, personale
email: info@doradiamanti.it
web: www.doradiamanti.it

09/01/2009 | 1124
 
 
EDITORIALE
C'è chi si compra un'isola greca e chi non ha un Paese che lo accoglie
 
 
APPUNTAMENTI
 
 
PHOTOGALLERY
Summer Voice 2015 Ceregnano
Da Trecenta a Milano in bici
Costina Day 2015
BB King in concerto
Biennale Arte Venezia 2015
Guadagnolo, le opere
Visualizza tutte    
 
 

IN EVIDENZA
Auto e moto d’epoca,
esenzione per tutti:
non occorre più l’iscrizione
all’Asi o al Fmi

 

Iva sulla Tia, per la Corte
di Cassazione non è dovuta.
I consumatori possono
chiedere il rimborso

 

Operatori telefonici scorretti
e molesti:
ecco come difendersi
dalle trappole

 

Tassa di concessione
governativa sui cellulari: ecco
come chiedere il rimborso

 

Diritto al recesso per acquisti
a casa o online:
ecco come farlo valere

 

Accertata la malattia, il lavoratore è libero di uscire 

 

Ecco cosa fare quando ci clonano la carta di credito o il bancomat

 

Energia elettrica:
come trovare la migliore offerta

 

La multa è valida anche se il giallo del semaforo dura poco

 

 

 
METEO
 
 
OROSCOPO ON LINE

 
 

LINKS
ADICO Associazione
Difesa Consumatori

 

GUERRATO Spa

 

Socialista LAB

 

 
 
 
  Supplemento telematico a "La Repubblica Veneta" Aut. Trib. Ro n.11/84.
Powered by Internetimage.it [Web Agency] | Copyright © 2008 - NOTE LEGALI