La Repubblica Veneta - Mostre - Alberto senza titolo
 
 
 
La Repubblica Veneta

Silvia
 
 
 
 
 
MOSTRE
Share |
 
MOSTRE
Alberto senza titolo
Alla Galleria d'arte di Tina Parotti a Milano, La mostra, che trae spunto da una metafora del pittore svizzero Paul Klee, prende forma...

Galleria d’ARTE 2000 di Tina Parotti, via Statuto 13 Milano

ALBERO Senza Titolo

Vernice 13 dicembre ore 18:00
12-24 dicembre 2008

Artisti: Eulalia Allievi, Antoh, Francesco Bellon, Gabriela Bodin, Francesca Crocetti, Maria Elena Danelli, Domenico Lombardo, Midori McCabe, Davide Maccari, Francesco Mestria, Massimiliano Robino, Anna Pirola, Roberto Stucchi, Raffaello Talò.
Curatore: Mariangela Maritato

La mostra, che trae spunto da una metafora del pittore svizzero Paul Klee ("L’artista è come un tronco che attraverso le radici s’abbevera del “fluire” della vita e della natura, trasmettendo poi nella sua chioma, cioè l’opera, ciò che ha visto…" ) prende forma – nello spazio della galleria d’ARTE 2000 di Tina Parotti, nel suggestivo quartiere Brera di Milano - intorno ad un’opera collettiva: un albero che ai suoi rami mostra delle piccole creazioni che sintetizzano il percorso e lo stile di ognuno dei 14 artisti coinvolti.
Metafora della vita, nel pensiero di Klee l’albero diviene metafora dell’artista stesso che dalle radici si nutre del corso degli eventi e del tempo. Del mondo immenso e complesso della realtà oggettiva e psichica. Le fronde, però, sono “diverse” dalle radici. Anche l’arte infatti è diversa dal reale immediato perché mediato, trasformato e ricreato dell’artista.
Non è una semplice rappresentazione della realtà (come era stato per i realisti o naturalisti fiamminghi) bensì un’indagine che svela i meccanismi più profondi e nascosti della natura. E’ un processo conoscitivo. Klee scriveva infatti che “non riproduce il visibile, ma rende visibile”.
Ne “L’origine dell’opera d’arte” (1935) anche il filosofo tedesco Martin Heidegger parla dell’arte essenzialmente come di opera, ovvero apertura e svelamento. L’opera è esperienza di verità. E’ conoscenza ermeneutica (G. Gadamer, P.Ricoeur).
Se ritorniamo all’albero, ci accorgiamo che il suo forte valore simbolico è così radicato nella nostra cultura, nella nostra tradizione, tanto che nel periodo natalizio se si parla di albero, il nostro pre-giudizio ci porta immediatamente a pensare all’albero di Natale. La sua immagine (specialmente sempreverde) come simbolo del rinnovarsi della vita è un tradizionale tema pagano, presente sia nel mondo antico che medioevale e, probabilmente, in seguito assimilato dal Cristianesimo.
Sganciandosi man mano da ogni valenza culturale e conservando solo quella rituale, dal dopoguerra in poi il fenomeno ha acquisito però una dimensione commerciale e consumistica senza precedenti, che ha fatto dell’albero di Natale, nell’immaginario collettivo, un potenziale status symbol. Conseguenza di ciò, la nascita di una vera e propria industria dell’addobbo natalizio. La nostra cultura e tradizione comune ridotta alle logiche del marketing aziendale e della pubblicità. Del denaro e del consumismo. Il suo forte valore simbolico, culturale ed evocativo, magico, sembra svanire. Attraverso l’arte si può riscoprire’ l’essenzialità del simbolo. Il titolo della mostra è infatti Albero “senza titolo” perché ha già tutto in sé. Il rinnovarsi della vita, che ha sempre rappresentato, si manifesta in 42 opere d’arte (dipinti, sculture, installazioni, fotografie digitali, arte digitale). Nella collettività ritrova forza. Nella “magia” dell’artista, il fluire della vita si rende visibile.

Dal 12 al 24 dicembre 2008
Galleria d’ARTE 2000 di Tina Parotti, via statuto 13 Milano
www.tinaparotti.com
Orari di apertura: dal lunedì al sabato, dalle 15:00 alle 19:30
Ingresso libero
Organizzazione: Tina Parotti, Art Intensive Collective www.artintensive.com
 

12/12/2008 | 1739
 
 
EDITORIALE
C'è chi si compra un'isola greca e chi non ha un Paese che lo accoglie
 
 
APPUNTAMENTI
 
 
PHOTOGALLERY
Summer Voice 2015 Ceregnano
Da Trecenta a Milano in bici
Costina Day 2015
BB King in concerto
Biennale Arte Venezia 2015
Guadagnolo, le opere
Visualizza tutte    
 
 

IN EVIDENZA
Auto e moto d’epoca,
esenzione per tutti:
non occorre più l’iscrizione
all’Asi o al Fmi

 

Iva sulla Tia, per la Corte
di Cassazione non è dovuta.
I consumatori possono
chiedere il rimborso

 

Operatori telefonici scorretti
e molesti:
ecco come difendersi
dalle trappole

 

Tassa di concessione
governativa sui cellulari: ecco
come chiedere il rimborso

 

Diritto al recesso per acquisti
a casa o online:
ecco come farlo valere

 

Accertata la malattia, il lavoratore è libero di uscire 

 

Ecco cosa fare quando ci clonano la carta di credito o il bancomat

 

Energia elettrica:
come trovare la migliore offerta

 

La multa è valida anche se il giallo del semaforo dura poco

 

 

 
METEO
 
 
OROSCOPO ON LINE

 
 

LINKS
ADICO Associazione
Difesa Consumatori

 

GUERRATO Spa

 

Socialista LAB

 

 
 
 
  Supplemento telematico a "La Repubblica Veneta" Aut. Trib. Ro n.11/84.
Powered by Internetimage.it [Web Agency] | Copyright © 2008 - NOTE LEGALI